Tre Ponti riapre, scatta la protesta

E-mail Stampa PDF
La protesta temuta si è concretizzata.

Dopo la requisizione della discarica di Tre Ponti, ieri mattina blocchi stradali e ferroviari.


Una protesta scontata e una mattina d’inferno per quanti hanno persorso la statale Appia nel tratto che va da Montesarchio a Tufara valle, e l’adiacente linea ferroviaria della Benevento Napoli via valle Caudina. Un centinaio di dimostranti hanno infatti bloccato per circa sei ore la statale Appia, e a singhiozzo la linea ferroviaria. Automobilisti e utenti della linea ferroviaria costretti sono stati costretti percorrere itinerari alternativi e improvvisi stop.

Poi dopo mezzogiorno la ripresa del transito dei veicoli.
 
Fonte: Il Mattino
 
Una protesta che però non ha vietato a esperti dell’Arpac e dell Asl, a funzionari del Consorzio Napoli e dello stesso commissariato di effettuare un primo sopralluogo sulla discarica di Tre Ponti, presente anche il sindaco di Montesarchio Izzo, e alcuni rappresentanti dei comitati che contestano la riapertura del sito.

Un accesso alla discarica che ha confermato che sono necessari dei lavori per poter di nuovo utilizzare l’impianto. Opere che per essere completate richiedono almeno una quindicina di giorni prima che l’impianto possa entrare in funzione.

Come è noto la discarica di Tre Ponti, una delle tre indicate dal commissario Gianni De Gennaro, era stata mercoledì mattina.

Il sito di Montesarchio era stato già sequestrato dalla magistratura per un'indagine relativa allo sversamento dei rifiuti in modo non conforme alla legge.

Mercoledi mattina si è aggiunto il nuovo provvedimento del commissario De Gennaro che è stato notificato al sindaco di Montesarchio, all’Amministrazione provinciale, all’Arpac di Benevento, all’Asl al consorzio di bacino di Napoli tre, alla Fibe Campania. Nel provvedimento si ricorda che il sito era stato già oggetto di sequestro da parte del gip nell’ottobre del 2006.

Ora dovrà essere utilizzato fino al momento in cui saranno colmati gli spazi disponibili. La discarica che resterà in funzione fino al 30 aprile, riceverà rifiuti provenienti dai Cdr che operano nella regione, nonchè dai siti di trasferenza che sono stati creati in varie località della regione.

 

Powered by Tesseract