Disservizi nell’erogazione idrica

E-mail Stampa PDF

Forza Italia interviene sui disservizi nell’erogazione idrica e annuncia una petizione per rispedire le bollette al Consorzio Alto Calore.

Il coordinamento comprensoriale di Forza Italia della Valle del Sabato interviene sulla gestione delle risorse idriche nel Comune di Ceppaloni, chiedendo un immediato chiarimento da parte dell’Alto Calore e dell’Amministrazione comunale.

“Da diversi giorni, la quasi totalità del territorio ceppalonese deve fare i conti con la mancanza dell’acqua e ciò è davvero incredibile visto che siamo ancora a giugno. Cosa accadrà a luglio e agosto?”.

Fonte Il Sannio Quotidiano

Così hanno iniziato il loro intervento i rappresentanti forzisti.

“Non è possibile che i cittadini ceppalonesi debbano pagare laute bollette all’Alto Calore senza ricevere in cambio un adeguato servizio. Prima di chiudere l’acqua – seguono - sarebbe opportuno che i cittadini venissero avvisati. A Ceppaloni, invece, tutto ciò non si è verificato. Inoltre, sarebbe necessario che qualcuno spiegasse il perché, viene sottratto l’importante bene primario, agli abitanti. Per cui aspettiamo che le istituzioni competenti diano risposte concrete e, soprattutto evitino da subito che continui a mancare l’acqua nelle abitazioni. Qualora la situazione non dovesse risolversi siamo pronti alla battaglia. Vorrà dire che faremo una petizione assieme ai cittadini per rispedire le bollette dell’acqua indietro all’Alto Calore. Perché non si può pagare senza ottenere in cambio l’importante servizio”.

Infine, un breve passaggio, i berlusconiani lo riservano anche alla questione della non potabilità dell’acqua che sgorga dalla fontana in piazza a Ceppaloni capoluogo.

“Improvvisamente sulla parete della fontana è comparsa la scritta ‘non potabile’.

Visto che la conduttura è la stessa che serve le abitazioni, sarebbe necessario approfondire la questione e far sapere ai cittadini cosa è realmente accaduto”.

 

Powered by Tesseract