Muore schiacciato dal trattore

E-mail Stampa PDF

Ceppaloni - La vittima è Renato Feleppa, 42 anni, di S. Leucio, un assistente capo della polizia penitenziaria in servizio a Benevento.

A causa dell’erba alta, il mezzo è finito in una scarpata. L’uomo lascia la moglie e due bimbi.

Fonte Il Sannio Quotidiano

E' morto schiacciato da un trattore. E' la terribile sorte toccata a Renato Feleppa, quarantadue anni, di San Leucio del Sannio, un assistente capo della polizia penitenziaria, da qualche anno presso la casa circondariale di contrada Capodimonte, dopo aver prestato servizio ad Ariano Irpino. Il dramma si è consumato ieri pomeriggio alla contrada Paradiso della frazione San Giovanni di Ceppaloni, in un fondo non di proprietà dell'uomo. Padre di due figli – una bimba di otto anni ed un bimbo di pochi mesi – Renato Feleppa stava lavorando il terreno con il suo 'Goldoni' gommato dotato di vanga; in sua compagnia un poliziotto in pensione che in quel momento si era allontanato per andare a prendere una bottiglia d'acqua.

Secondo una prima ricostruzione, mentre percorreva un tratto pianeggiante, il trattore, forse a causa dell'erba alta che impediva la visuale del dislivello, è finito in una scarpata profonda un paio di metri. Il trattore si è ribaltato ed ha travolto Renato Feleppa, non dandogli scampo. E' stato l'amico, una volta tornato, a dare l'allarme: il primo ad intervenire, richiamato dalle urla, è stato Ettore De Blasio, consigliere comunale di Ceppaloni, che abita a non molta distanza dal luogo dell'incidente.

Sul posto, oltre al 118, i vigili del fuoco del comando provinciale, i carabinieri delle stazioni di San Leucio del Sannio e Ceppaloni, e, successivamente, alcuni colleghi della vittima. Per rimuovere il trattore è stato necessario ricorrere ad un altro mezzo agricolo che lo ha trascinato via.

Distrutti dal dolore la moglie, Patrizia, ed i familiari del quarantaduenne, accorsi dopo aver saputo la tragica notizia. Su ordine del sostituto procuratore Giovanna Pacifico, la salma è stata trasportata presso il cimitero di Casale Maccabei, dinanzi al quale si sono radunati tanti amici e colleghi di Renato.

(a.f.)
 

Powered by Tesseract