Imbriani, giallorosso a vita

E-mail Stampa PDF

Il tornante di Ceppaloni ha firmato ieri pomeriggio il contratto che lo lega al Benevento fino al 2008

Stamani l’incartamento sarà depositato in Lega, nel pomeriggio primo allenamento

di Francesco Saverio Intorcia

Fonte Il Sannio Quotidiano

Com’era previsto, ieri pomeriggio Carmelo Imbriani ha firmato col Benevento Calcio un contratto triennale, che verrà depositato questa mattina in Lega a Firenze, in tempo utile per averlo a disposizione già domenica prossima. Ad accompagnarlo nella sede del Benevento Calcio c’era il suo procuratore Pellegrino Mastella: ad attenderli, il direttore generale Orazio Buda. Una semplice formalità, dal momento che le parti erano d’accordo ormai da una settimana sulla durata e l’entità dell’ingaggio: l’ultimo ostacolo alla definizione della trattativa (il contratto tra Imbriani e il Catanzaro) era stato abbattuto domenica mattina, con la risoluzione consensuale, tanto che già al termine della partita vinta dagli stregoni contro il Bellaria il presidente Napolitano aveva annunciato l’acquisto del tornante di Ceppaloni, che proprio in quelle ore era in macchina per tornare a casa. Peraltro Imbriani è il primo giocatore a legarsi al Benevento fino al 2008 (ci sarebbe anche Girardi, ma il contratto è quello rilevato dal Chievo in comproprietà), segno che il suo ingaggio è anche un progetto a lungo termine, un matrimonio con ansia di futuro nutrita da entrambi gli sposi. Soddisfatto Buda: quello di Imbriani è il primo acquisto del mercato di gennaio e, stando alle parole del direttore generale, potrebbe anche essere l’unico. “Siamo molto soddisfatti – dice -. Di questa trattativa si parlava da tempo ma non vorrei che per questo motivo fosse sottovalutata l’importanza dell’operazione che abbiamo appena concluso. Siamo andati a prendere un giocatore che giocava in B e che accetta di scendere in C2 per sposare la causa del Benevento. Ci attendiamo molto da lui”.

Preso Imbriani, si ripropone subito, inevitabilmente, il dualismo con Massaro già visto l’anno scorso e in fondo già sfiorato anche in estate, quando i due giocatori furono trattati l’uno dopo l’altro. Buda però smorza sul nascere ogni polemica e svela il suo disegno tattico: “Imbriani è un grande giocatore che dovrà farci fare il salto di qualità, Massaro è un elemento preziosissimo per noi e lo ha dimostrato anche ieri: secondo me, insieme, possono garantire alla squadra una grande spinta sulle due fasce. Carmelo ha l’esperienza e le caratteristiche per giocare in più di un ruolo”.

Leggendo fra le righe, insomma, il Benevento considera ora Imbriani un jolly: non solo un’alternativa di lusso per la corsia di destra, ma un elemento in grado di giocare all’occorrenza anche sulla fascia sinistra o addirittura da seconda punta. Ruoli che in passato il Game Boy non ha mai amato molto, ma che, nell’idea della società, potrebbe occupare facilmente e con profitto tenendo conto del livello tecnico medio di questo campionato. E per questo motivo Buda non esclude che il primo grande colpo di gennaio possa rivelarsi anche l’unico:

“Imbriani è un punto importante nel progetto che avevamo e a cui continuiamo a lavorare. Se troveremo altri giocatori che hanno le caratteristiche che cerchiamo, non ce li lasceremo scappare. In caso contrario, potremmo anche chiudere qui la campagna di rafforzamento e saremmo ugualmente contenti. Contentissimi”.

Il prossimo tassello può essere una seconda punta di ruolo, ma le trattative finora intraprese si sono rivelate complicate. Con Di Nardo non c’è stato un contatto diretto, ma il Benevento ha preso informazioni e si è bloccato dinanzi al prezzo che il Frosinone ha fissato per la cessione del giocatore. Discorso analogo per Martinetti del Novara e Vadacca del Manfredonia (a segno anche domenica), mentre Cipolla è stato blindato dal Grosseto dopo gli ultimi prodigi e non si muoverà da lì (partirà Berrettoni, probabilmente con destinazione Ferrara). La società giallorossa non intende acquistare nessuno in contanti. E dopo la vittoria di ieri potrebbe mettere da parte i propositi di rivoluzione.

“Sono stati tre punti importantissimi – chiude Buda – e vorrei sottolineare soprattutto lo scatto che la squadra ha avuto sull’1-1, per riportarsi subito in vantaggio. Ora quell’allungo vincente dobbiamo metterlo in tutte le partite”.

Ieri sera Buda ha seguito il posticipo di C2 fra Nocerina e Pro Vasto, oggi sarà ad Avellino per seguire l’incontro fra i lupi e il Catanzaro. Resterà in città fino a domani, poi ritroverà la squadra domenica nella trasferta contro la Sansovino.

Telex da Taranto: ieri Alessandro Bruno è stato ceduto in prestito alla Nocerina, mentre il fantasista Luca Campanile, che era stato offerto anche al Benevento, è passato a titolo definitivo alla Cavese. La stessa società metelliana dovrebbe ufficializzare oggi anche l’ingaggio di Dario Rossi, difensore centrale del Chieti. Sempre a proposito di mercato va segnalato che il Frosinone sta per dare Di Nardo in prestito alla Pistoiese, mentre un altro ex giallorosso, Gill Voria passa dalla Juve Stabia al Perugia.

 

Powered by Tesseract