Imbriani, è il giorno decisivo

E-mail Stampa PDF

Il giocatore sannita rifiuta il passaggio in prestito alla Juve Stabia. Col Benevento ha già l'accordo fino al 2008.

Oggi Carmelo incontra il «diggì» del Catanzaro Improta per rescindere il contratto

di Francesco Saverio Intorcia

Fonte Il Sannio Quotidiano

Operazione ritorno. La love story fra il Benevento e Carmelo Imbriani, giunta alla terza stagione, ha vissuto ieri una giornata decisamente intensa, per nulla avara di emozioni se si pensa che nel tardo pomeriggio la Juve Stabia aveva praticamente ufficializzato l'ingaggio in prestito del giocatore sannita, nell'ambito di una maxioperazione che ha portato alle vespe dal Catanzaro anche il difensore Pierotti e il centrocampista Ottonello.

L'ala di Ceppaloni ha invece opposto un garbato rifiuto e ha negato il suo consenso al trasferimento: al di là della difficile situazione di classifica della formazione stabiese, che di certo non l'ha invogliato, non se l'è proprio sentita di lasciare la B per vestire la maglia di una storica rivale del Benevento, tanto più che in questo stesso momento è in contatto proprio con la dirigenza giallorossa per discutere ancora una volta del suo ritorno.

Dopo aver indossato la casacca della strega nel 2002/03 e nel 2004/05 ed essere stato protagonista di altre due lunghe trattative sfumate nel gennaio del 2004 e nell'estate del 2005, Carmelo Imbriani, dunque, sta per tornare a casa ancora una volta. Ieri ha nuovamente parlato con Buda ed ha praticamente raggiunto l'intesa, sulla base di un contratto triennale che scadrà nel giugno del 2008, quando il tornante avrà 32 anni. Un particolare non certo secondario: se i precedenti matrimoni erano stati celebrati con una data di scadenza molto breve, stavolta la scelta di Imbriani guarda decisamente al futuro. Il centrocampista abbandona il torneo cadetto per sposare un progetto a lungo termine, guidare il Benevento alla scalata nel calcio che conta e magari concludere nella sua terra una carriera che è appena entrata nell'età della maturità.

C'è già l'accordo fra il Benevento e Imbriani, dunque. Ma c'è anche un ostacolo non indifferente: il contratto che lega ancora l'atleta alla società calabrese fino al 2007. Il rapporto fra le due parti è ormai logoro: il centrocampista, fortemente voluto a Catanzaro da Buso, ha avuto spazio solo in avvio di stagione, poi è stato frenato da un infortunio e soprattutto dall'assenza di feeling col nuovo tecnico Guerini. E il fatto che il Catanzaro lo avesse inserito nell'operazione con la Juve Stabia è il sintomo che Imbriani non rientra più nei progetti di una società che è fra le più attive sul mercato e sta operando un'autentica rivoluzione per evitare la retrocessione.

Del suo presente e del suo futuro Imbriani parlerà oggi con il direttore generale catanzarese Giovanni Improta. I due hanno avuto una lunga chiacchierata ieri al telefono, quando Carmelo ha spiegato con toni educati le ragioni del suo 'no' alla Juve Stabia. I due si sono dati appuntamento a questa mattina, parleranno di persona, stavolta: il Catanzaro verosimilmente cercherà di inserirlo in qualche altro scambio, mentre Imbriani chiederà la rescissione di contratto. Se fino a ieri era possibile ipotizzare un suo arrivo a Benevento in prestito, ora è chiaro che il centrocampista lascerà la B definitivamente per legarsi a lungo alla società di via Santa Colomba. Della serie: mollo tutto. Tutto dipenderà dalla posizione e dalla volontà del Catanzaro: c'è di mezzo un contratto che può rivelarsi una semplice formalità o un ostacolo insormontabile al trasferimento di Imbriani. Una cosa è certa: nella testa e nel cuore, Carmelo ha già deciso, e agli amici ha già confidato che secondo lui la Sansovino e la Cavese possono essere ancora riprese dal Benevento. Non appena avrà il via libera dal Catanzaro, tornerà subito a casa per unirsi ai nuovi compagni: potrebbe rientrare già questa sera. Dipenderà dalla linea scelta dal direttore generale Improta: con il nuovo diesse Pavarese, invece, non c'è stato alcun contatto da parte del giocatore.

L'obiettivo del Benevento Calcio è di rinnovare la squadra dalla cintola in su: uno o due esterni di centrocampo, una seconda punta, una mezzapunta. Non arriveranno tutti, ma in questi ruoli andranno scelti i rinforzi. E se per l'attacco la società segue tanti nomi (Vadacca, Cipolla, assai meno Di Nardo, ma forse il vero obiettivo è fuori da questi nomi), la novità è proprio la ricerca di un giocatore estroso, che possa far saltare gli equilibri a vantaggio della formazione di Gabetta e farla tornare ad essere sorprendente e imprevedibile come nella prima parte di stagione.

 

Powered by Tesseract