L'ex Imbriani vuole tornare in giallorosso

E-mail Stampa PDF

Carmelo Imbriani potrebbe essere il primo rinforzo del mercato di gennaio dei giallorossi.

Un'operazione che potrebbe decollare già in questi giorni in considerazione delle dichiarazioni reciproche di stima ed amore delle parti.

Il forte tornante di San Giovanni di Ceppaloni, la scorsa sera pubblicamente in una trasmissione televisiva ha dato la sua disponibilità a tornare a giocare da subito per la maglia della squadra del suo cuore, dichiarazione confermata anche nella giornata di ieri.

Fonte Il Mattino

Da parte del Benevento Calcio, anche nelle scorse settimane, Tescari, Napolitano e Buda hanno sempre riservato attestati all'atleta facendogli intendere che le porte sono sempre aperte per lui. E forse è vicino il momento, anche se Imbriani è legato da un contratto biennale con il Catanzaro e pensate, rinuncerebbe ai palcoscenici della B, anche se non svolge un ruolo da protagonista, per giocare per la prima volta in C2, ma con l'intento dichiarato di contribuire all'immediato ritorno in C1.

Superfluo aggiungere che la notizia è stata accolta con grande entusiasmo dalla tifoseria, alquanto demoralizzata per la debacle interna contro la Spal e la brutta chiusura dell'anno calcistico.

In effetti, alla luce di quanto visto nella prima parte della stagione, confermando tutte le possibili note positive di un gruppo che è stato al comando per buona parte di questo periodo, appare evidente che c'è bisogno di correzioni.

Tutto ciò al di là di errori generali commessi nel match contro gli estensi e anche per una condizione fisica che logicamente non appare al meglio, soprattutto per quanto concerne la "forza", specie su terreni gibbosi e pesanti.

La rosa attuale è indubbiamente più che adeguata per la categoria, ed ha tutte le carte in regola per lottare da protagonista, ma appare indispensabile apportare della variazioni in corsa specie per quanto concerne il reparto chiamato a creare gioco, ma soprattutto a finalizzarlo. C'è bisogno se si vuole puntare alla vittoria finale di quel «qualcosa in più" che va al di là delle forze attuali tra l'altro ormai arcinote agli avversari che riescono puntualmente a prendere le contromisure specie nelle gare al S. Colomba. È indubbio, pur riconoscendo l'esperienza e la bravura tecnica di Belmonte che c'è bisogno di una punta che affianchi Pinamonte con particolari caratteristiche. Un giocatore capace di saltare l'uomo anche nello stretto creando la superiorità numerica, di essere alternativa anche tattica a Pinamonte, sfruttando le «spizzate» con improvvisi scatti e puntando anche alla conclusione a rete. Insomma, la classica «seconda punta» capace di far respirare anche l'attuale bomber. Ed inoltre serve un «suggeritore» capace di sfruttare le qualità nel gioco aereo dello stesso Pinamonte e dell'emergente Girardi, di dare fisicità, senso tattico e creatività sulla fascia laterale. Sembrano questi gli interventi necessari, anche se il modulo resterà un 4-4-2 o venga cambiato in un 4-3-3. Ciò non sarebbe una bocciatura per i Massaro o Belmonte o gli altri, ma lo ribadiamo la creazione di un'alternativa, del resto anche un'utilizzazione part time potrebbe portarli ad un rendimento più elevato, premesso che nei prossimi giorni si conoscerà l'entità dell'infortunio dell'uruguagio. Dopo ore di intenso e riservato colloquio tra Buda, Tescari, Napolitano e Gabetta, adesso c'è un momento di analisi per programmare la ripartenza. In pratica si stanno valutando con calma le varie situazioni per poi preparare i contropiani per la ripresa fissata per l'8 gennaio e che sicuramente sancirà l'apertura di un altro campionatao... Sia per le condizioni fisiche che per le operazioni legate al calciomercato di riparazione. La squadra, intanto, dopo una breve seduta di allenamento, preceduta da un faccia a faccia con il tecnico, ha avuto il «rompete le righe» per le festività natalizie. La ripresa della preparazione è fissata per mercoledì 28.

ANTONIO MARTONE
 

Powered by Tesseract