Politica - Unione dei Comuni: parte la richiesta di finanziamento

E-mail Stampa PDF
Chiesto un contributo di 270mila euro per polizia municipale, scuola, formazione, edilizia e prodotti locali

Fonte Il Sannio Quotidiano

Cresce il numero delle Unioni dei Comuni nel Sannio. Questa formula mira a realizzare una forma di cooperazione strutturale tra gli Enti per la gestione associata di funzioni e servizi. L’iniziativa intrapresa tra i comuni di San Leucio del Sannio, Arpaise e Ceppaloni qualche mese fa interessa una popolazione complessiva pari a circa 7500 unità. La gestione associata riguarda i servizi ed attività che rientrano nel settore dei servizi sociali, polizia municipale (attraverso il coordinamento tra i vari corpi), sportello unico delle imprese, gestione dei rifiuti (rimozione e smaltimento con impianti di vagliatura e attività di riciclaggio), valorizzazione dei prodotti tipici locali (pasta, olio, vino, latticini) .
Per favorire il processo di riorganizzazione sovracomunale, vengono individuati i livelli e gli ambiti ottimali nei quali investire gli incentivi economici richiesti. Realizzare forme di integrazione che garantiscano una gestione di funzioni, servizi e compiti con modalità strategicamente ed economicamente più convenienti per i destinatari, questo l’obiettivo della cooperazione strutturale tra i tre comuni.
L’unione dei piccoli e medi Comuni può essere considerata, quindi, una formula vincente in termini di sviluppo e di competitività ed è forse l’unica soluzione per evitarne l’estinzione. Essa può inoltre rispondere in modo efficace, efficiente ed economico ad ogni esigenza e assicurare così più servizi ed una migliore qualità della vita per i cittadini. E’ inoltre il modo più efficace per valorizzare i territori, per sfruttare al meglio le potenzialità offerte dal turismo fornendo servizi di qualità in termini ad esempio di percorsi enogastronomici e di accoglienza attraverso la valorizzazione delle strutture ricettive. In attuazione di quanto detto l’amministrazione comunale di San Leucio del Sannio di concerto con i commissari delle amministrazioni di Ceppaloni ed Arpaise ha attivato le procedure per la richiesta alla Regione Campania di contributi per l’esercizio associato di servizi comunali. Il progetto è stato presentato alla Regione Campania dall’Asmez, Ente di cui i tre comuni fanno parte. Il progetto, presentato proprio in questi giorni alla Regione Campania, prevede la richiesta di un contributo di 270 mila euro per l’esercizio associato di servizi comunali per la polizia municipale, il trasporto scolastico, l’anagrafe in rete, la formazione personale, lo sportello unico per l’edilizia ed il servizio di promozione dei prodotti locali. La consapevolezza che gli Enti locali sono coinvolti in un profondo processo di modernizzazione e la necessità di adeguare la macchina organizzativa al livello di efficienza ed efficacia ha convinto le tre amministrazioni ha richiedere i suddetti contributi. "Fortemente sentita è la necessità del trasporto scolastico - afferma il sindaco di San Leucio del Sannio, Gino Iannace - ma saranno innovativi anche i servizi dell’anagrafe in rete, la formazione del personale degli enti locali ed il servizio di promozione dei prodotti locali. Mentre, per quanto riguarda lo sportello unico per l’edilizia esso sarà uno strumento per essere al passo con le nuove normative sull’edilizia.
A tal proposito voglio sottolineare che dal momento in cui questa amministrazione si è insediata - spiega Iannace - ha ritenuto opportuno abolire la Commissione edilizia, ciò ha consentito di snellire l’iter delle concessioni edilizie a vantaggio della velocità. Tornando ai servizi associati non si è potuto attivare, invece - conclude il primo cittadino - il servizio per la raccolta dei rifiuti a causa delle complesse normative che regolano tale servizio".
 

Powered by Tesseract