Ceppaloni, perquisizioni domiciliari a casa del sindaco. Cataudo: "Esito negativo"

E-mail Stampa PDF

Il sindaco di Ceppaloni, Claudio Cataudo, a mezzo di una nota fa pervenire le proprie precisazioni, in merito alle perquisizioni domiciliari di questa mattina presso il municipio e la sua abitazione.

La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Benevento che ha disposto le perquisizioni presso la casa del sindaco di Ceppaloni e di un dipendente della Forestale, sta conducendo delle indagini in relazione alla concessione a titolo gratuito di un immobile utilizzato quale sede del Comando della locale Stazione Forestale dello Stato, su richiesta del Ministero delle politiche Agricole.

Secondo Cataudo "tale immobile, a seguito della soppressione della locale Stazione del Corpo Forestale dello Stato è stato utilizzato al fine di effettuare corsi di Educazione Ambientale, sempre previa autorizzazione del competente Ministero, rimanendo in uso, a titolo gratuito, del soggetto individuato quale custode. Successivamente il Comune ha proceduto, con atto formale, al recesso del comodato, dando seguito, con varie comunicazioni formali, per la riconsegna dell’immobile".

"A seguito dell’attività posta in essere dalla Procura" - conclude Cataudo - "tutta la documentazione relativa a tale pratica presente presso la Casa Comunale è stata consegnata immediatamente e spontaneamente, a semplice richiesta agli agenti operanti. Mentre le perquisizioni effettuate presso l’abitazione e l’ufficio del Sindaco hanno dato, ovviamente, esito negativo. E’ necessario precisare tale circostanza che, purtroppo, è stata omessa nel comunicato inviato dagli uffici della Procura agli organi di stampa, per un’attività che, preferibilmente, sarebbe dovuta essere ispirata al principio di leale collaborazione tra le istituzioni con maggior economicità dell’azione posta in essere.

Fonte: ilquaderno.it

 

Powered by Tesseract