Il tartufo di Ceppaloni all’expò 2015

E-mail Stampa PDF

TartufoEntro un anno il tartufo bianco di Ceppaloni sarà un brand riconducibile alla sola produzione del territorio. Questi i tempi stimati dagli esperti di comunicazione del portale Agrocultura.tv, intervenuti nel convegno di sabato, nella sala consiliare del comune, per spiegare le fasi attuative del progetto: «L’oro di Ceppaloni nell’era della comunicazione digitale». L’idea sviluppata dal Forum dei Giovani, si articolerà in alcune tappe oggetto di una disamina al tavolo tecnico di sabato. Lo startup del progetto, prevede in fase iniziale il coinvolgimento degli attori istituzionali del territorio, un passaggio fondamentale per recepire le informazioni sensibili ed esperire così un’analisi dello scenario.

Ci sono poi le fasi più tecniche che comprendono: il networking (l’unificazione dei produttori in una unica etichetta); il webmarketing (processo di realizzazione di format come reportage e documentari) e l’e-commerce (diffusione del brand sul mercato).

 

A queste fasi andranno ad aggiungersi la pubblicizzazione sul web e servizi specifici come la comunicazione per i non vedenti. Al lavoro svolto dal portale Agrocultura.tv, web tv del settore agroalimentare ed enogastronomico della Regione Campania, si affiancherà quello di ‘Cerco Italia.it’, una sorta di «centro commerciale on-line», così come lo ha efficacemente definito Aldo Lombardi, professionista al servizio del portale. Un momento significativo del convegno di sabato è stato quello della consegna della presidenza ad honorem dell’associazione Tartufai, al comune di Ceppaloni. Un modo per intensificare quel sodalizio già esistente che lega il comune alle attività di di promozione del tartufo bianco promosse dall’associazione. A prendere la parola sono stati Giuseppe Varricchio, presidente del Forum dei Giovani, il sindaco di Ceppaloni che ha assicurato la vicinanza e la collaborazione istituzionale ad un’iniziativa così importante per lo sviluppo del territorio, e gli esperti dei portali coinvolti nel progetto.

 

In conclusione del dibattito, è stato il vicesindaco, Ettore De Blasio, ad annunciare tre importanti novità. Prima tra tutte, la partecipazione del comune di Ceppaloni (‘Città del Tartufo’ dal 2011) all’expò internazionale di Milano. Un occasione importante per diffondere la conoscenza della risorsa presente nel suolo ceppalonese e per affermarsi quindi su importanti circuiti commerciali. Le altre due novità annunciate dal vicesindaco riguardano invece la recente decisione di aderire all’associazione nazionale ‘Scuole delle città del Tartufo’ e l’iter già avviato, che con molta probabilità, consentirà al tartufo di ascriversi nel novero dei beni immateriali dell’Unesco.

A beneficiare di questo importante riconoscimento sarà anche il territorio di Ceppaloni che in quanto ‘città del tartufo’ vanta la presenza del preziosissimo tubero nelle proprie tartufaie.

Fonte: ottopagine.net

 

Powered by Tesseract