Il consiglio d’insediamento della nuova amministrazione: “Politiche per i più deboli e occupazione per i giovani”

E-mail Stampa PDF

Comune di CeppaloniL’amministrazione Cataudo ha ufficializzato il suo insediamento. Nel consiglio comunale di ieri sera, il neoeletto esecutivo ha preso posto negli scranni del consesso, avviando di fatto una nuova fase amministrativa. Sebbene le deleghe ancora non siano state definite, la giunta, presieduta dal primo cittadino Claudio Cataudo, sarà composta da: Giustino Calabrese, Bruno Mazzone e Ettore De Blasio.

Eletti all’unanimità (“forse per la prima volta” come suggerisce il capogruppo di opposizione Vincenzo Barone) il presidente e il vicepresidente del consiglio comunale, individuati rispettivamente nei consiglieri Ottavio Mazzone e Domenico Parente, quest’ultimo nominato anche capogruppo di opposizione. “Un incarico importante. Assicurerò un corretto andamento dei lavori consiliari” è il commento del neo-presidente Ottavio Mazzone. Il vicepresidente commenta invece “farò di tutto per essere all’altezza del ruolo”. Eletti anche (a scrutinio segreto) i membri della commissione elettorale, di cui faranno parte Ettore De Blasio, Ottavio Mazzone e Vincenzo Barone.

I supplenti della commissione sono invece: Giuseppe Mazzeo, Bruno Mazzone e Giustino Calabrese.

Momento più atteso è stato quello del giuramento e del discorso del sindaco, Claudio Cataudo “il vostro consenso mi gratifica e mi impegna a fare ancora di più per il paese. La campagna elettorale si è conclusa, sopite le tensioni pensiamo al bene del paese. Sono e sarò il sindaco di tutti. All’opposizione garantiremo confronto e dialogo”.

 

Cataudo ha poi esposto ai presenti i punti inseriti nel documento programmatico, ovvero le indicazioni politiche che l’amministrazione seguirà. Politiche sociali in favore dei più deboli, tutela dell’ambiente e del territorio, iniziative per i bambini (e in via di definizione la progettazione di un parco giochi), strategie occupazionali per i giovani, valorizzazione dei centri storici e recupero del patto territoriale: questi i temi fondamentali su cui interverrà il governo cittadino nei prossimi cinque anni. L’opposizione dalla voce del capogruppo Vincenzo Barone chiarisce “non saremo un’opposizione strumentale e arrogante. Accetteremo dialogo e colloquio ma eserciteremo fino in fondo la nostra azione di controllo”.

 

In particolare il gruppo di minoranza intende “costituire le commissioni, una consulta per le pari opportunità, creare le condizioni per favorire l’occupazione dei giovani” ma soprattutto “intervenire con equità sulle politiche sociali. Su questo tema è necessario un confronto serrato”. Alla relazione del capogruppo di opposizione si associa il consigliere di minoranza Giuseppe Mazzeo che aggiunge “auspico che ci sarà una reale collaborazione tra la maggioranza e l’opposizione, oggi è più che mai necessaria data la riduzione dei consiglieri”.

Fonte: ottopagine.net

 

Powered by Tesseract