Ceppaloni, assenza di donne in consiglio. Barone e Mazzeo: "Sia istituita commissione pari opportunità"

E-mail Stampa PDF

"Per la prima volta dal 1996 le elezioni amministrative appena archiviate hanno escluso la presenza femminile dal Consiglio Comunale di Ceppaloni". Lo scrivono in una lettera indirizzata al sindaco Cataudo e a tutti i consiglieri Enzo Barone e Giuseppe Mazzeo.

"Questo è un dato che, rispetto a quanto imposto dalle leggi e ai passi in avanti fatti da tante Istituzioni in Italia, - aggiungono i due consiglieri - riporta sicuramente indietro il nostro amato Paese e ci consegna, al resto della Provincia, nel segno dell’arretratezza culturale.

E’ ovvio, la scelta è stata affidata agli elettori ma noi, a urne chiuse, dobbiamo garantire alle donne la partecipazione alle attività dell’Ente Comune.

Per cui, - proseguono nella missiva - ti proponiamo di attivare ogni utile iniziativa per istituire quanto prima la commissione Pari Opportunità. D’altra parte, l’organismo è previsto dall’articolo 5 dello Statuto che recita: “L’attività amministrativa del Comune si prefigge di salvaguardare l’eguaglianza sostanziale tra i cittadini, rimuovendo in particolare gli ostacoli che si frappongono alle pari opportunità fra i sessi. 
A tal fine il Consiglio Comunale onde favorire un’attenta analisi della condizione femminile, - continuano - può istituire un’apposita commissione sulle pari opportunità. Un apposito regolamento approvato dal Consiglio Comunale ne disciplinerà il funzionamento, la composizione ed i compiti. Faranno parte della Commissione tutti i Consiglieri Comunali di sesso femminile, se eletti”.

 

Dunque, - concludono Barone e Mazzeo - impegniamoci per dare attuazione all’articolo sopracitato, dando spazio alle donne che vogliono impegnarsi per migliorare la qualità della vita nella nostra Comunità".

Fonte: ntr24.tv

 

Powered by Tesseract