“Castello, il fiore all’occhiello” - Lavori di ristrutturazione dell’antico maniero, interviene l’assessore Mazzone

E-mail Stampa PDF

Comune di Ceppaloni«La ristrutturazione del Castello è stato il fiore all’occhiello della nostra amministrazione».

Così Bruno Mazzone, assessore al bilancio commenta l’operato della Giunta Cataudo e del suo impegno politico in questi cinque anni.

«Era un’idea di cui si parlava da sempre – evidenzia Mazzone – ma siamo stati noi a concretizzarla. Ormai i lavori di ristrutturazione sono quasi giunti al termine. Aspettiamo una risposta definitiva dalla Regione per sapere se ci sarà il finanziamento per il progetto del ‘borgo della creatività’», per completare così l’aspetto funzionale dell’opera. Come si ricorderà, infatti, per la destinazione finale del Castello era stata proposta una scuola di alta formazione gastronomica associata alla formula dell’albergo diffuso che prevedeva una riqualificazione dell’intero borgo.

 

 

«Tale progetto – ricorda il delegato al settore – rientrava nello studio di fattibilità stilato stilato dall’Università del Sannio su incarico della precedente amministrazione. Tale studio fu ritenuto valido dalla Regione che lo ammise a finanziamento, ma ora attendiamo di sapere se saranno stanziati i fondi previsti per la realizzazione del ‘borgo della creatività’, progetto incluso nello studio di fattibilità. Naturalmente non intendiamo vanificare il lavoro svolto fin’ora, se dovesse esserci un diniego sui fondi valuteremo come procedere».

 

 

Sul tema candidature, invece, attualmente predominante nel dibattito politico locale Mazzone dichiara: «Sono in fase decisionale, quel che è certo è che abbiamo compiuto un miracolo. Abbiamo amministrato il paese proprio durante la fase più acuta di questa crisi economica. Nonostante ciò, siamo riusciti a stabilizzare le casse comunali, pagando 900 mila euro di debiti fuori bilancio e siamo riusciti a non aumentare nessuna imposta. C’è stato un aumento progressivo dei tagli agli enti locali. Basta guardarsi intorno e vedere le condizioni in cui versano gli altri comuni per rendersene conto».

Articolo di Marianna D'Alessio

Fonte: ottopagine.net

 

Powered by Tesseract