Sì a regolamenti e convenzioni - Il consiglio si è riunito ieri in seconda convocazione

E-mail Stampa PDF

Comune di CeppaloniGli argomenti ‘regolamento’ e ‘convenzione’ riapprodano in consiglio e questa volta per essere approvati. Dopo la seduta di venerdì, saltata dopo l’abbandono dell’aula da parte dell’opposizione, il consesso si è riunito in seconda convocazione nella serata di ieri. Maggioranza quasi al completo, l’unica assenza quella del consigliere Evelina Testa. Il primo punto all’ordine del giorno è l’approvazione della convenzione della segreteria comunale tra Ceppaloni e Contrada (comune in provincia di Avellino).

Nino Rossi, capogruppo dell’opposizione, contesta la scelta definendola «una proposta in contraddizione con tutti gli auspici proposti in precedenza, si doveva arrivare ad una condivisione dei servizi con i comuni confinanti, in questa scelta non c’è nessuna logica».

 

Il sindaco Claudio Cataudo, però, puntualizza che «l’opposizione ha votato contro anche alle proposte di associazione con comuni limitrofi, pecca di incoerenza».

Ma Rossi controbatte «le nostre posizioni sono sempre state argomentate con dati politici. Queste proposte non corrispondono a nessuna esigenza territoriale».

Lo schema di convenzione, dunque, viene approvato con undici voti favorevoli.

A seguire la discussione si è accesa sul regolamento dei controlli interni. «Tale documento – precisa il consigliere Domenico Parente – è stato depositato agli atti e non sono pervenute richieste di emendamento».
Ma il consigliere di minoranza, Elio Fiorillo contesta «non c’è stato il tempo materiale per proporre delle rettifiche.
L’approvazione del regolamento – precisa l’esponente dell’opposizione – doveva essere ratificata entro il 10 gennaio, sono trascorsi anche i sessanta giorni di proroga senza che questa amministrazione riuscisse a compilare un regolamento valido».

Ed infine, Fiorillo rileva «è una questione che necessitava di una discussione ampia, per l’ennesima volta è stata completamente saltata la fase preparatoria».

Articolo di Marianna D'Alessio

Fonte: ottopagine.net

 

Powered by Tesseract